Ergonometria un comfort per i l tuo polso

MX Vertical
mouse verticale logitech

POSIZIONE NATURALE “A STRETTA DI MANO”

A volte un piccolo investimento risulta conveniente per la qualità del lavoro, per chi soffre di fastidi al polso od anche solo per evitarli.

All’ inizio può risultare (per alcuni) un po meno pratico ma passati i primi momenti ci si abitua e spesso diventa una preferenza.

MX Vertical è un mouse ergonomico avanzato che combina il design basato sulla scienza con le elevate prestazioni della serie MX di Logitech. Alzati sopra il disagio con un mouse progettato per ridurre l’affaticamento muscolare, ridurre la pressione del polso e migliorare la postura. La naturale posizione di handshake di MX Vertical riduce lo sforzo muscolare del 10 % e promuove una postura più ergonomica. L’esclusivo angolo verticale di 57 ° di MX Vertical riduce la pressione sul polso, mentre il pollice è posizionato comodamente sul poggiapolsi. La sua forma unica è progettata per adattarsi a una varietà di forme e dimensioni della mano, mentre la superficie in gomma testurizzata assicura una presa solida e naturale. Abbina fino a tre dispositivi e passa facilmente da un dispositivo all’altro con il semplice tocco di un pulsante o spostando semplicemente il cursore da uno schermo all’altro con Logitech Flow. Per la migliore esperienza del prodotto con Bluetooth, aggiornare il sistema operativo del computer alla versione più recente. 

In evuluzione continuamente

Dalle parti di Palo Alto c’è qualcuno che, probabilmente, si sta ancora mangiando le mani. Tra la fine degli Anni ’70 e l’inizio degli Anni ’80 uno sparuto gruppo di ingegneri alle dipendenze di Apple capitanati da Steve Jobs e Steve Wozniack si presenta presso la sede dei laboratori di ricerca e sviluppo di Xerox (il PARC, Palo Alto Research Center) per visionare alcuni degli ultimi progetti su cui i tecnici della casa statunitense stavano lavorando. Tra questi troviamo una “buffa” periferica di input, dalla forma e dal nome molto particolari, sulla quale la dirigenza Xerox decise di non investire.

 

Ideata da Douglas Engelbart, a questa periferica era stato affibbiato il nomigliolo di mouse, perché ad alcuni ricordava per forme e dimensioni proprio un topo. Nonostante il nome, quella periferica è stata la base del successo tecnologico dell’Apple Lisa prima e dell’Apple Macintosh poi: grazie al mouse è stato possibile “inventare” una nuova modalità di interazione tra uomo e macchina, favorendo lo sviluppo di interfacce utente sempre più interattive e dinamiche.

Ancora oggi, il mouse è tra le periferiche di maggior successo: dai modelli ergonomici ai mouse gaming, il mercato offre modelli per ogni esigenza e per ogni tasca. Merito di un’evoluzione lunga 40 anni che non si è mai arrestata.

History

1967

il primo mouse

Il primo Mouse

Douglas Carl Engelbart, nato a Portland il 30 gennaio 1925 è stato un inventore statunitense. I suoi antentati provenivano da Germania, Svezia e Norvegia. È conosciuto per essere stato l’inventore, in collaborazione con Bill English, del primo mouse.

1981

il primo mouse

Prime vendite

Fu con lo Xerox Star che il primo mouse fu messo in vendita. La workstation uscì da quella fucina di idee che era il PARC, ovvero lo Xerox Palo Alto Research Center, nel quale fu inventato anche il copia-incolla.

1982

primo mouse microsoft

Primo mouse Microsoft

Il mouse Microsoft è un mouse per computer rilasciato da Microsoft nel 1983. È il primo mouse rilasciato dall’azienda ed è stato fornito in bundle con Microsoft Word, Blocco note e un tutorial didattico sullo schermo per un prezzo iniziale di $ 195. (senza interfaccia grafica)

1983

mouse venne presentato nel 1983 con l'Apple Lisa

Mouse Apple Lisa

 Questo è stato il primo mouse prodotto da Apple. Come dice il nome era progettato per il computer Lisa e venne utilizzato anche per i primi Macintosh. Il mouse di tipo meccanico. Il mouse venne presentato nel 1983 con l’Apple Lisa. 

1991

MouseMan® Cordless

Logitech Wireless

Logitech leader nella produdione di mouse fin dal primo modello P4 (1982). commercializza il primo mouse cordless MouseMan.  Con un prezzo di lancio di $ 149 (USA), è stato il primo mouse a utilizzare la radiofrequenza (RF)

1999

Microsoft The IntelliMouse Explorer

Microsoft ottico

Microsoft IntelliMouse Explorer è stato introdotto il 19 aprile 1999 al COMDEX. Questa versione presentava la tecnologia di tracciamento ottico IntelliEye, eliminando la necessità di una pallina del mouse o di un tappetino per mouse

2004

Microsoft The IntelliMouse Explorer

Mouse Laser

MX 1000 Laser, Logitech utilizza per la prima volta al mondo un sistema di tracking ottico (sviluppato con il partner storico Agilent) con luce laser in luogo di quella a LED rossi, assolutamente preciso, su ogni superficie e materiale, lucido, tinta unita, scivoloso…

2009

Microsoft The IntelliMouse Explorer

Mouse Laser DarkfieldTM

Performance Mouse MX, Logitech utilizza per la prima volta DarkfieldTM Laser Sensor che permette di utilizzarlo su qualsiasi superficie, incluso il vetro,  è più preciso, consuma meno energia e può essere usato virtualmente ovunque.